Implantologia Zigomatica

Perché scegliere l’implantologia zigomatica?

  • 0/5
  • 0 ratings
0 ratingsX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
0% 0% 0% 0% 0%

Da più di trent’anni, l’implantologia zigomatica aiuta i pazienti con problemi di perdita dei denti e recesso dell’osso mascellare, causato da traumi, cisti e infezioni come la piorrea. Nell’osso mascellare, infatti, affondano le radici dei denti dell’arcata superiore, e la scomparsa dell’osso ne causa in un primo momento l’eccessiva mobilità e successivamente la caduta. E, quando non c’è spazio neanche per i denti naturali, bisogna ricorrere a soluzioni innovative.

 

 

In cosa consiste l’operazione?

L’intervento, del tutto indolore, inizia individuando i punti dell’osso mascellare in cui andranno inserite quattro o più viti in titanio, di lunghezza variabile, la cui funzione è quella di ancorare alla gengiva una protesi fissa fatta su misura, che potrà essere montata poco dopo. La protesi ti restituirà in brevissimo tempo la gioia di sorridere e masticare correttamente, senza doverti preoccupare dei denti mancanti.

Nonostante le principali complicanze dell’intervento (sinusite, fistola oro-sinusale, perdita di sensibilità…), il successo dell’operazione è stimata tra il 96 e il 98% a distanza di 12 anni. L’unico modo per assicurarsi che l’impianto duri più a lungo, oltre a sottoporsi a visite dentistiche regolari, è cercare di mantenere una corretta igiene orale, utilizzando spazzolino, dentifricio, filo interdentale e collutorio. Se trascurata, un’infezione causata dalla scarsa pulizia dei denti può portare al distacco della protesi.

 

 

Ci sono alternative all’implantologia zigomatica?

La motivazione principale per ricorrere agli impianti zigomatici è che spesso non esistono alternative. Metodi meno invasivi per ripristinare la funzione estetica e masticatoria con protesi fisse o mobili come innesti a vite classici o dentiere spesso non risultano efficaci in presenza di scarso osso mascellare, quindi falliscono o non vengono praticati.

L’unica vera alternativa è data dagli innesti ossei, che tuttavia spesso vengono sconsigliati a causa dei lunghi tempi di guarigione prima che sia possibile tentare un innesto per i denti mancanti e della necessità di effettuare due interventi chirurgici distinti. Per la maggior parte dei pazienti gli impianti zigomatici sono quindi l’unica soluzione possibile per tornare a sorridere di nuovo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie . Il non consenso porta al non corretto funzionamento di questo sito web. Cookie Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close